Il Mare di Daniele Fissore

Giovedì 30 luglio 2009 alle ore 18, in piazza Maresca 9 Imperia, presso lo spazio espositivo ligure della “Casa d’Arte”, Daniele Fissore presenta “Il Mare”. In questa occasione saranno esposte una trentina di opere, prevalentemente su tela e principalmente sul tema del Mare. Non mancheranno, tuttavia, alcuni lavori sui Green che hanno reso famoso Fissore in Italia e all’estero. Daniele Fissore è nato nel 1947 a Savigliano (Cuneo). Inizia come autodidatta la suo carriera artistica, che dura ormai da oltre trenta anni. Compiuti gli studi classici frequenta per breve periodo l'Accademia di Belle Arti a Torino, quindi lascia per qualche anno la pittura per dedicarsi all'approfondimento delle tecniche del disegno. Nel 1975 partecipa alla X Quadriennale di Roma e nel 1976 alla "Biennale del disegno di Milano". Una costante evoluzione dei primi temi pittorici (si vedano le "Cabine telefoniche", le "Opposizioni", le "Ricognizioni"), indagati con un'analisi approfondita di forte ispirazione fotografica, lo porta alla figura umana e al ritratto. Nel 1980, Fissore si trasferisce a Londra, dove i suoi lavori convincono la critica inglese e gli valgono la concessione di uno studio londinese dal governo britannico. Qui sviluppa e perfeziona la serie dei "Pic nic" (esposti alla "House Gallery" nel 1981), che anticipano le successive sperimentazioni volte allo studio dei rapporti tra la figura e il paesaggio. Tornato in Italia, intensifica l'attività espositiva, con l'allestimento di numerose mostre personali e collettive in varie Gallerie italiane, orientando le scelte pittoriche al tema del "Green".Sul finire degli anni 80, Fissore lega la suo ricerca alla Galleria La Bussola di Torino, inaugurando un intenso sodalizio artistico e professionale. Nel 1993, con una personale dedícata ai "Grandi formati" svela le modalità dei suo lavoro, accostando alle edizíoni maggiori i bozzetti a carbone. Nello stesso ambito presenta inoltre i dipinti sull'inedito tema del"Mare", attraverso i quali esplora e approfondisce gli aspetti emozionali ed immaginifici dei paesaggio, fino ad estraniarlo da sé stesso, per restituirlo in brani quasi astratti, con una trama di onde, luci, riflessi. All'inizio degli anni 90, Daniele Fissore, affida la cura, l'edizione e la diffusione della sua opera grafica allo Studio Fornaresio di Torino. Negli ultimi tempi, pur evolvendo i suoi temi precedenti, si dedica al nuovo tema della "Natura Morta", tornando solo epísodicamente ai suoi quadri di figura.