Mimmo Rotella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Mimmo (Domenico) Rotella (Catanzaro, 7 ottobre 1918 – Milano, 8 gennaio 2006) è stato un artista e pittore italiano. Nel 1953 ormai convinto che non ci sia più niente da fare di nuovo nell'arte, ha improvvisamente quella che egli definisce "illuminazione Zen": la scoperta del manifesto pubblicitario come espressione artistica della città. Così nasce il décollage (all'inizio collage): incolla sulla tela pezzi di manifesti strappati per strada, adottando il collage dei cubisti e contaminandolo con la matrice dadaista del ready made. Nel 1955, a Roma, nella mostra "Esposizione d'arte attuale", espone per la prima volta il 'manifesto lacerato'. In seguito, pratica il cosiddetto doppio décollage:il manifesto staccato prima dal cartellone, poi, strappato in laboratorio. In quegli anni si serve anche dei retro d'affiche, adoperando i manifesti dalla parte incollata ed ricavandone opere non figurative e monocrome. Nel 1964 è invitato alla Biennale Internazionale d'Arte di Venezia e, nel 1965, alla IX Quadriennale di Roma. Dopo il 1986 seguito realizza le sovrapitture, ispirandosi al graffitismo: interviene pittoricamente su manifesti lacerati ed incollati su tela. Vi traccia scritte anonime, come quelle che si possono leggere sui muri cittadini: messaggi d'amore, scritte politiche, etc., in un doppio messaggio.

 

OPERE MULTIPLE

Pazzo per le donne
Mimmo Rotella
  • Serigrafia con decollage
  • 900 €
Internazionale
Mimmo Rotella
  • serigrafia collage
  • 750 €
Tragico 59
Mimmo Rotella
  • serigrafia collage
  • 700 €
Cinecittà
Mimmo Rotella
  • serigrafia collage
  • 0 €
Commercio e unità
Mimmo Rotella
  • serigrafia collage
  • 750 €
Senza titolo
Mimmo Rotella
  • serigrafia collage
  • 800 €
Un poco in su
Mimmo Rotella
  • serigrafia collage
  • 0 €
Il gigante 92
Mimmo Rotella
  • serigrafia con decollage
  • 900 €
Comanceros
Mimmo Rotella
  • Serigrafia con decollage
  • 0 €